Chi siamo | Contatti

El. En. Corrias Agricoltura Sarda a R.l.s. - Giardinaggio

TAPPETI ERBOSI

Il tappeto erboso - Quartu Sant'Elena - Cagliari - Sardegna

Per la realizzazione del tappeto erboso bisogna avere una particolare attenzione nella scelta delle specie più adatte all'ambiente in cui il prato verrà impiantato, in modo tale da ottenere un buon risultato e rendere semplice la successiva manutenzione. Per rendere il vostro tappeto erboso forte e sano mescolate del terriccio specifico per tappeti erbosi con ONE, che ne aumenterà la radicazione rendendolo più fitto e robusto, spargete sul terreno in modo uniforme prima il composto ottenuto e poi la semente, evitando di creare mucchi di semi e innaffiate abbondantemente immediatamente e nei giorni successivi.

1. Epoca di semina.
I periodi più indicati per la semina sono senza dubbio autunno e primavera.

2. Preparazione del terreno.

Il terreno deve essere lavorato per 20 cm circa fino a diventare soffice. Nel caso di terreni che tendono a diventare duri si consiglia di migliorarli con l'apporto di sostanza organica(torna e/o stallatico). Prima della semina il terreno sarà fino, senza zolle e piano. Si consiglia l'uso di un insetticida contro parassiti del terreno e formiche.

3. Semina.

La semina del prato può essere fatta a mano o con un apposito spandi seme / concime. La quantità di seme va distribuita in più passaggi incrociati fra loro. A questo punto si consiglia di interrare leggermente il seme, meglio sarebbe ricoprirlo con uno strato di circa mezzo cm di terriccio apposito per prato. 
Se tutto è stato fatto con cura, i primi ciuffi emergeranno nell'arco di 2 o 3 settimane a seconda della stagione e dei semi scelti.

4. Irrigazione.

L'acqua è indispensabile per la crescita del prato. Essa permette di sciogliere gli elementi fertilizzanti del suolo e di immagazzinarli all'interno delle piccole piante.

5. Concimazione. 

Il prato all'inglese necessita di una adeguata ed equilibrata concimazione.
L'azoto (N) è indispensabile per lo sviluppo dei germogli e per la pigmentazione. Il fosforo (P) favorisce lo sviluppo delle radici.
Il potassio (K) conferisce maggior resistenza alle malattie e al calpestio regolando l'assorbimento idrico.
Importanti sono anche elementi come ferro (Fe), magnesio (Mg) e calcio (Ca).

6. Falciatura. 

Il taglio effettuato con regolarità aumenta la compattezza del tappeto erboso, ne migliora l'aspetto è la forza rigenerativa. La frequenza e l'altezza del taglio dipendono dalle essenze che costituiscono il prato, dall'uso e dall'andamento climatico. Importante è non tagliare troppo basso, bisogna inoltre sempre asportare tutti i residui di taglio per limitare la formazione del feltro e lo sviluppo di malattie fungine che possono danneggiare il tappeto erboso.

7. Arieggiamento.

Per mantenere a lungo un tappeto erboso in buona salute è importante arieggiare il terreno, operazione che si effettua utilizzando appositi attrezzi manuali e meccanici.

8. Rimozione del muschio. 

L'eliminazione del muschio che si forma nelle zone d'ombra o troppo irrigate è fondamentale per la salute del prato. Prima di eliminare il muschio è bene applicare un antimuschio o del semplice solfato di ferro.

 


Home | Chi Siamo | Note Legali | Privacy | Contatti

P. Iva 03152460923

Getidea - realizzazione siti internet